Lascia un commento

Intervista: Io sono Heathcliff – Desy Giuffrè

Autore Desy Giuffrè
Titolo Io sono Heathcliff 
Editore Fazi – Collana Lain
Pagine 300
Prezzo € 9,90
Il sito dell’autrice

Ciao Desy, benvenuta sul blog Roba da scrittori! Averti qui è un onore.

Salve a tutti i lettori di Roba da scrittori! Grazie mille per avermi invitata, è un piacere essere qui con voi.

Il tuo romanzo è intitolato “Io sono Heathcliff”. Il tuo amore per il capolavoro di Wuthering Heights (Cime tempestose) è evidente sin dal titolo. Come ti è venuta l’idea di trasportare questa tua grande passione in maniera così netta nel tuo primo romanzo?

So bene che in molti avranno certamente ritenuto questa mia scelta piuttosto azzardata, o addirittura troppo “imprudente”, soprattutto trattandosi del romanzo d’esordio con cui ho voluto presentarmi al pubblico dei lettori che, sin dai primi tempi in cui fu data notizia dell’uscita di Io sono Heathcliff, ha espresso tra i più svariati (ma tutti rispettabilissimi) pareri. Un’idea – quella di rendere omaggio ad uno dei grandi classici (Wuthering Heights) che più amo, nonché alla sua inimitabile autrice, Emily Bronte – che ha significato molto per la sottoscritta, avendola vissuta come una vera e propria sfida con me stessa. Ma il desiderio di concedere una seconda possibilità di riscatto agli indiscussi protagonisti di Cime Tempestose -Cathy e Heathcliff- si è unita all’ispirazione di una nuova storia, all’interno della quale nuovi personaggi avrebbero avuto l’occasione di interagire con gli antichi proprietari della tenuta più famosa dello Yorkshire nel mondo della letteratura. Un mix, questo, al quale non ho saputo resistere, e che aveva già gettato le proprie radici negli anni della mia adolescenza, subito dopo la prima lettura di Cime Tempestose.

Di cosa parla il tuo libro?

Incentrato sui due sentimenti che da sempre muovono il destino dell’uomo, Io sono Heathcliff è una storia di amore e odio che mira a raccontare la nascita di un nuova passione, quella tra Elena e Damian, attraverso il riscatto e la sete di vendetta che i due antichi protagonisti di Wuthering Heights hanno lasciato bruciare nel tempo. Un libro fresco e vibrante di giovinezza, non privo però di alcune tematiche che spesso, purtroppo, ruotano attorno ad essa.

Questo blog, oltre che dai lettori, è molto frequentato da aspiranti scrittori, il cui sogno principale è pubblicare con una grande casa editrice. Tu lo hai realizzato, riuscendo a pubblicare con la Fazi. Sono state tante le delusioni ricevute prima del responso positivo? Come ti sei sentita quando sei stata contattata dall’editore? Ti definiresti “la dimostrazione che questo sogno non è solo un’illusione”?

Le porte in faccia le ho ricevute per ben dieci anni, e mentirei se dicessi che sono state poche, vista anche la quantità di manoscritti che nel tempo ho proposto alle varie case editrici. Quando si aprì uno spiraglio di speranza quasi non riuscivo a credere che tutto stesse accadendo proprio a me, e ho iniziato a concretizzare realmente l’idea solo dopo aver visto Io sono Heathcliff tra gli scaffali delle librerie, nonostante il lungo lavoro svolto nei mesi precedenti tra la fase di editing e quella promozionale. Non riuscirò mai a dimenticare l’emozione provata il giorno in cui ho stretto per la prima volta tra le mani il libro che racchiude in sé ogni mio sogno e fatica.
E sì, credo che ognuno di noi, nelle piccole e nelle grandi vittorie di ogni giorno, possa ritenersi “la dimostrazione che i sogni non siano solo illusioni”. Personalmente ci ho creduto davvero tanto, nonostante gli inevitabili periodi di sconforto. Ma non ho mollato, ed eccomi qui.

Quando ti sei resa conto che il tuo romanzo valesse qualcosa?

Non per stupida presunzione, ma perché credo che chiunque coltivi un’intensa passione nella propria vita sia anche sicuro di ciò che fa, sono sempre stata consapevole che i miei lavori valessero qualcosa. Il tempo e la maturità, ovviamente, hanno poi fatto il resto e continueranno a farlo. Spero.

Cosa significa per te essere scrittori oggi?

Prendersi carico di una grande responsabilità, vista (fortunatamente) la crescita numerica di una fascia giovanissima di lettori. Scrivere è dare voce e immortalità ai propri pensieri, donarli senza riserve a chi li leggerà e li renderà propri.

Cosa ti aspetti da questa carriera appena iniziata? Hai già in cantiere progetti futuri?

Non mi aspetto nulla, se non quello per cui ho lottato durante tutti questi anni. Non potrei chiedere soddisfazione più grande di quella che il calore dei lettori sta già riuscendo a darmi, ma sono consapevole di essere solo all’inizio di questa grande avventura che ho intenzione di vivere fino in fondo e investendo in essa tutte le mie energie.
Sto lavorando ad un nuovo progetto (a dire il vero non solo uno). Una storia –come ho già dichiarato- che va da Oriente a Occidente…ma è ancora presto per parlarne!

Grazie infinite per il tempo che ci hai dedicato e in bocca al lupo per il tuo futuro, che questo sogno non smetta mai di accompagnarti!

Un sogno che non smetterà mai di accompagnarmi perché fa da sempre parte di me…è un augurio che anch’io rivolgo a tutti coloro i quali credono nelle proprie potenzialità e non smettono di sognare. Grazie infinite per avermi ospitata, un caro saluto a tutti i lettori!

Antonio
Roba da Scrittori 

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: