2 commenti

Recensione: Il rumore dei tuoi passi – Valentina D’Urbano

Titolo Il rumore dei tuoi passi
Autore Valentina D’Urbano
Editore Longanesi
Prezzo € 14,90 

Come sicuramente saprete, non riesco a farmi sfuggire romanzi di esordienti pubblicati da grandi case editrici. Quando ho scoperto che Valentina D’Urbano, che già apprezzavo per i suoi straordinari disegni (che potete trovare cliccando qui) avrebbe pubblicato un libro per Longanesi, quindi, son corso ad acquistarlo. Certo, il genere non mi è congeniale e un piccolo ripensamento l’ho avuto, ma alla fine ho deciso di prenderlo e di leggerlo.

Parto dal lato negativo: il titolo!
Al di là del trovarlo brutto per gusto personale, non rispecchia affatto il romanzo. O meglio, rispecchia un po’ la storia, ma non l’atmosfera in cui è ambientata. Come titolo è fuorviante e lascia intendere si tratti di qualcosa alla Sparks. Niente contro Sparks, ma semplicemente siamo in un genere quasi del tutto diverso.

Non ricordo esattamente quale sia stato l’ultimo romanzo rosa letto, forse non ne ho mai letti, quindi quando ho intrapreso questa lettura temevo di non arrivare alla fine, e invece mi sono dovuto ricredere. Al centro di tutto c’è un amore tanto forte quanto unico tra Bea e Alfredo, ma il loro legame non lascia mai spazio a momenti sdolcinati e finti. Il romanticismo c’è, ma è quello che loro possono permettersi, quello che la Fortezza (il luogo cui sono cresciuti) ha concesso loro. Un posto difficile in cui il semplice amore non avrebbe avuto la forza necessaria per sbocciare e, soprattutto, maturare.

I personaggi sono descritti perfettamente, tanto che spesso, leggendo il romanzo, si è combattuti perché le emozioni trasmesse sono forti, ma svariate volte scelte e comportamenti dei due ragazzi non possono essere apprezzate. Più volte ho pensato “gente del genere l’allontanerei immediatamente nella vita reale” ma poi mi ritrovavo a essere triste per loro, in un misto tra pena e malinconia.

Io sono abituato a leggere Thriller, quindi un occhio allo schema narrativo è d’obbligo e spesso mi imbatto in errori talvolta anche grossolani. In questo caso ovviamente la storia scivola lineare e limpida, senza difficoltà. La lettura è piacevole ma forte, perché più volte una fitta allo stomaco è impossibile non sentirla e, una volta finito, il senso di aver perso qualcosa c’è e si sente.

Comunque, per concludere, non so se per via delle aspettative piuttosto basse che avevo nei confronti del genere in sé, a me il romanzo è piaciuto molto e lo consiglio senza dubbio a chi abbia voglia di leggere qualcosa di buono, poco impegnativo ma non per questo vuoto, perché questo non è affatto un romanzo vuoto.

Complimenti vivissimi alla giovane autrice, a cui auguro di continuare al meglio la strada appena intrapresa.

Voto:

Antonio
Roba da Scrittori 

Annunci
23 commenti

Gli spillasoldi: Consigliamoci UnLibro

Come sapete il mondo dell’editoria è pieno di gente che si ingegna per cercare di guadagnare qualcosa da esordienti inesperti e (purtroppo troppo spesso) illusi.

Di Consigliamoci UnLibro avevo sentito parlare per via dello spam fastidiosissimo che mette in atto troppo spesso e ultimamente perché pare chiedesse soldi per recensire libri o fare interviste. Ho fatto un giro sul sito e il tutto è davvero molto poco professionale, quindi non credevo possibile chiedessero addirittura soldi per un servizio di così basso livello. Non lo credevo, fino a quando non sono stato contattato anche io. Sapendo con chi avessi a che fare, ho cercato di ricevere più informazioni possibili. A dire la verità, credo che il modo migliore per spiegarvi la situazione sia incollarvi direttamente la conversazione. La speranza è di poter aiutare i meno esperti. Non per dare l’idea che i servizi debbano essere gratuiti, anzi, ma perché quando si paga per qualcosa bisogna sapere a chi. Poi certo, servizi come “recensire un libro” non vanno mai pagati. Quanto può essere obiettivo un recensore che riceve soldi direttamente da te? La risposta credo sia sottintesa.

Vi lascio con la conversazione avvenuta pochi minuti fa.
N.B. Stampatello, errori grammaticali e tutto il resto sono una trasposizione fedelissima della conversazione avuta.

Consigliamoci UnLibro
CIAO
HO VISTO CHE HAI SCRITTO UN LIBRO
SAREI FELICISSIMO DI RECENSIRLO E PUBBLICIZZARLO SUL MIO SITO […]

Antonio Schiena
Ciao, sono molto interessato. Mi puoi spiegare come fare per essere recensito? Grazie

Consigliamoci UnLibro
PER LA RECENSIONE E PUBBLICIZZAZIONE
DEL LIBRO SUL MIO SITO E’ GRADITA UNA PICCOLISSIMA DONAZIONE DI 10 EURO PER AIUTARMI CON LE SPESE DEL SITO, MA IN CAMBIO AVRESTI UN OTTIMIA PUBBLICITA’
[…]
PER 20 EURO TI ORGANIZZO RECENSIONE + INTERVISTA
E TI ASSICURO CHE VIENE UNA COSA MOLTO CARINA
TIPO COME QUESTA CHE HO GIA’ ATTO AD UN ALTRO SCRITTORE
TI DICO SOLO CHE E’ UN OTTIMA VETRINA
[…]
QUINDI QUELLA CHE CHIEDO
E’ UNA CIFRA SIMBOLICA
MA IN CAMBIO AVETE UN OTTIMA PUBBLICITA

Antonio Schiena
Scrivi prima “è gradita” e poi “cifra simbolica”. E comunque la chiami sempre “donazione”. Quindi se non pagassi recensiresti comunque il romanzo?

Consigliamoci UnLibro
si ma alla fine

Antonio Schiena
Scusami, ma non ho capito

Consigliamoci UnLibro
SE MI FAI LA DONAZIONE
LA FACCIO SUBITO
ALTRIMENTI QUANDO SARA’ […]

Antonio Schiena
Sì ok, mi sta bene. Ma quando sarà più o meno quand’è? Tra 6 mesi, tra 12 mesi? Giusto per farmi un’idea.

Consigliamoci UnLibro
NON LA FACCIO
E’ UN MODO SEMPLLICE PER DIRE QUESTO

Antonio Schiena
Usando le parole giuste è tutto più chiaro, no?

Consigliamoci UnLibro
ALLORA
NON PENSO CHE 10 EURO CAMBINO LA VITA

Antonio Schiena
Ma perché dovrei darli a te? Ho fatto un giro sul tuo sito e scrivi con errori ortografici e grammaticali molto molto grossolani, come stai facendo qui in chat. Se anche volessi pagare per un servizio almeno deve esser fatto bene, e tu sinceramente non ne sembri capace.

Consigliamoci UnLibro
E’ UNA ENORME CAZZATA
VAI A LEGGERE LE MIE RECENSIONI PRIMA DI DIRE STUPIDAGGINI
[…]
LEGGI QUESTE RECENSIONI E POI MI DICI
PRIMA DI SPARARE SENTENZE

Antonio Schiena
Appunto, vedi le risposte dell’intervista che mi hai mandato. Non ci sono gli accenti ed è scritto e’ e non è, ci sono spazi prima e dopo i punti e prima e dopo le virgole, mancano le maiuscole. Insomma, un lavoro fatto con i piedi sostanzialmente.
Per non parlare del fatto che è chiaro che chi ha recensito quel libro e ha fatto l’intervista non ha affatto letto il testo.

Consigliamoci UnLibro
QUELLI SONO ERRORI DI PORTABILITA’ DEL CODICE DEL SITO
CHE VARIA DA COMPUTER ION COMPUTER

COMUNQUE NON CAPISCI UN CAZZO

Antonio Schiena
Bene, sai come gestire i rapporti pubblici.

Consigliamoci UnLibro
VORREI VEDERE IL TUO LIBRONO RIUSCITO A CREARE UN SITO DA ZERO […]
VORREI VEDERE QUANTI LIBRI VENDERAI
SPERO NESSUNO […]
E NON ROMPERE IL CAZZO A ME […]
ANZIQUINDI CIAO E VAFFANCULO

Non voglio lasciarvi con le sue eleganti parole, ma con il semplice consiglio di non sprecare mai soldi spendendoli in servizi fantasmi. Anche se sono pochi, sono sempre soldi buttati che potrebbero essere spesi diversamente.

Antonio
Roba da Scrittori

1 Commento

La forza di TimeCRIME

Mi ero sempre ripromesso di parlarvi di TimeCRIME ma per qualche ragione ho sempre rimandato. Ora è il momento adatto, dato che sono appena state rese pubbliche le novità editoriali in libreria dal 21 giugno.

TimeCRIME è un marchio editoriale della Fanucci, nato all’inizio del 2012, che pubblica Thriller. Cosa fa di TimeCRIME un editore più interessante del normale? Be’, il prezzo di copertina!
I suoi romanzi con copertina rigida costano appena € 10, dopo 4 mesi di prime edizioni a soli € 7,70 e il 21 giugno uscirà La trilogia nera, di Dave Zeltserman (una raccolta di tre romanzi) a soli € 12. Le altre due uscite di giugno sono invece L’ermellino di porpora e La casa sul fiume, rispettivamente di Pierre Borromee e Penny Hancock.

E sia chiaro che si tratta sempre di libri validi. Di quelli che ho letto io, non mi ha deluso nessuno e, appena troverò un po’ di tempo, prometto che li recensirò. Quindi un rapporto qualità prezzo che rarissimamente si vede il libreria, soprattutto con le prime edizioni.

Un’attenzione particolare va naturalmente a esordienti italiani, essendo noi Roba da Scrittori italiani, che per ora latitano, ma speriamo di essere sorpresi anche da questo punto di vista. Intanto io il mio manoscritto l’ho inviato, non si sa mai. A un editore così interessante è difficile resistere.

Se volete sfogliare il loro catalogo potete farlo cliccando qui. In fondo l’estate è vicinissima e la voglia di leggere è più forte che mai.
Quindi buona lettura a tutti.

Antonio
Roba da Scrittori 

3 commenti

L’Ombra dell’Ignoto

L'Ombra dell'Ignoto

Il Risveglio.

Un Luogo Sconosciuto.

Carta e Penna.

Finalmente è tutto pronto!

Non avremmo mai creduto che l’affluenza al progetto sarebbe stata tale da completare questa raccolta in così breve tempo, una ventina di giorni…

… ma forse non vi interessa nulla di questo post, a parte le coordinate per raggiungere quanto è stato creato con i n/vostri scritti, per cui eccovi accontentati!

Il link è questo qui sotto:
(Mi raccomando, mettete il “Mi Piace” all’interno della vetrina, oltre che a questo post!)

ROBA DA SCRITTORI – L’Ombra dell’Ignoto

Beniamino
Roba da Scrittori

3 commenti

Partecipa a “Roba da Scrittori – L’Ombra dell’Ignoto”

Dopo un anno e mezzo dalla realizzazione di ROBA DA SCRITTORI – Il libro, sono stati in tanti a chiederci quando si sarebbe replicato con un nuovo volume. Non avendo date precise abbiamo sempre rimandato, fino ad oggi! Il progetto si è finalmente concretizzato!

Roba da Scrittori – L’ombra dell’ignoto

Come per il precedente libro, anche questa volta l’obiettivo è quello di riunire tanti scrittori appassionati per dimostrare che quando una cosa piace davvero, non c’è nulla che possa evitarne la realizzazione. Abbiamo questa volta voluto cambiare il contesto. Se nel primo volume si parlava dell’amore per la scrittura, in quest’altro vogliamo sfruttare la forza della scrittura come salvezza. Salvezza da cosa? Un po’ da tutto, sta all’autore scegliere come affrontare il tema. E serve anche a sottolineare la fantasia, quanto la mente umana possa viaggiare nei meandri dell’ignoto. Come? Semplice! Ogni brano avrà un incipit comune: un risveglio in un posto sconosciuto e a disposizione solo un quaderno e una penna. Quante situazioni diverse possono svilupparsi da un inizio comune? Probabilmente infinite, se si sa far librare la mente!

Siete pronti ad affrontare questa sfida? Siete pronti a risvegliarvi in un luogo ignoto, da soli, senza sapere cosa fare? Siete pronti a divertirvi?

Noi sì, speriamo lo siate anche voi!

Per partecipare bisogna richiedere l’iscrizione al gruppo Roba da Scrittori, dove man mano verranno scritti tutti gli aggiornamenti, ci si scambieranno opinioni, si porranno domande, si interagirà.

Vi lascio con il bando per partecipare. Ogni eventuale precisazione è rimandata al gruppo.
BANDO “ROBA DA SCRITTORI – L’OMBRA DELL’IGNOTO”

Roba da Scrittori

4 commenti

Benvenuti sul blog di ROBA DA SCRITTORI!

Il blog Roba da scrittori nasce dal continuo scambio di opinioni creatosi grazie all’omonima pagina Facebook.

Autori che cercano visibilità, lettori che cercano consigli di lettura, pareri sull’editoria contemporanea e testimonianze di ogni natura. Unire tutti questi aspetti: questo è il fine del blog! Evitando le limitazioni che Facebook impone, sarà più facile far sì che tutte queste realtà si uniscano, permettendo a chi naviga su internet di avere un punto di ritrovo in cui sentirsi un po’ in casa.

Non esisteranno distinzioni tra grandi e piccoli editori, grandi e piccoli autori o tutto ciò che al giorno d’oggi viene ostinatamente catalogato. La passione è unica e condivisa.

Qualunque cosa vogliate dirci, consigli sul blog o idee che vi piacerebbe vedere realizzate tramite il blog, il Guestbook è a vostra completa disposizione proprio per questo.

Detto questo vi auguriamo buona permanenza sul blog e, soprattutto, buon divertimento!

Lascia un commento

Lucantropi – Tra il dito e la luna, scelgo la luna

Titolo Lucantropi
Autori Vari
Edito Edizioni MIdA

La Lucania raccontata dai nipotini del sisma

Il cinema di Corleto Perticara chiuso dopo il terremoto e mai più riaperto. L’arrivo del petrolio e dei sogni di carta. Le occasioni mancate, e quelle inseguite a Marsico Nuovo e Latronico. Vado via, resto qui. L’ossessione di facebook e twitter come tic antipredessione, ma anche memoria delle tradizioni cucite addosso alla modernità come a Lagopesole: torniamo a fare i contadini, ma non da morti di fame.

Cos’è la Lucania, oggi. E cos’era ieri, all’indomani del terremoto del 1980. Ma soprattutto: cosa sognano per il futuro di questa terra i suoi giovani.

Cinquanta ragazzi, cinque istituti superiori, una sola terra.

E sono proprio i nipotini del sisma i protagonisti di un esperimento editoriale curato dall’Osservatorio permanente sul dopo sisma, diretto dal giornalista di Repubblica Antonello Caporale: raccontare la Lucania di oggi attraverso le suggestioni e gli occhi di chi, il terremoto, non l’ha mai vissuto. Hanno provato a farlo con un istant book, Lucantropi, e con un istant video girato con il videofonino, La Basilicata nel cellulare. Il sisma come occasione per rifarsi, per giocare senza azzardo l’ennesima partita al tavolo dello sviluppo.

«Sono racconti densi di sentimento, a volte di risentimento, ma gonfi di amore per la Lucania. È un libro vero, crudo, sincero – spiega Caporale – C’è la gioia e la noia nelle parole di questi ragazzi che provano a raccontare se stessi e la loro terra. Il presente e il futuro. Le nuove generazioni devono imparare a sognare restando qui.  Serve un fondo unico, una cassa comune, che garantisca e assecondi i loro talenti, i loro bisogni. Serve lo studio, l’applicazione quotidiana, la fatica. Servono i viaggi, l’apertura al mondo, le parole degli altri. Servono occhi curiosi, mani pronte, passo veloce. Serve imparare. Serve lavorare. Serve essere e mostrarsi liberi, come lo sono i protagonisti di questo libro e di questo piccolo film».

L’inchiostro dell’istant book, curato da  Giuseppe Napoli, giornalista e responsabile del progetto editoriale, si mescola ai fotogrammi del documentario, a cura del filmaker Antonello Faretta e realizzato con i videofonini dai ragazzi delle scuole, accompagnando il lettore in un viaggio inedito nella Lucania di Levi e Sinisgalli, di Nitti e Scotellaro.

Roba da Scrittori

Lascia un commento

Quella notte – Luisa Bolleri

Titolo Quella notte
Autore Luisa Bolleri
Editore Ibiskos Editrice Risolo
Pagine 390
Prezzo € 15,00

Trama

Il cadavere di una giovane donna violentata e barbaramente uccisa viene rinvenuto in una valigia… Le indagini del Commissario Stefano Pacini, navigato ispettore della Squadra Omicidi di Empoli, lo trascineranno in un’avventura mozzafiato nella quale nulla è come sembra.
Due donne e due uomini vedono stravolte le proprie vite, a partire da quella notte, vedono intrecciarsi le proprie strade, come a un incrocio mai percorso prima, provano a cambiare i propri destini, ognuno a suo modo. Ma tutti hanno un punto debole che li farà soffrire.
Mauro, alle spalle una famiglia arida d’affetti, tormentato dai ricordi, si è barricato da tempo dentro un muro di isolamento e vive in balia delle proprie turbe psichiche; Eleonora, bella, sensibile e dal temperamento impulsivo, sarà costretta ad affrontare una terribile prova; Alberto, attraente e intelligente marito di Eleonora, al ritorno dal lavoro troverà una lettera di addio di sua moglie; Veronica sarà coinvolta in un pauroso incidente con Alberto.
Strada facendo il romanzo affronta due delicate tematiche: il disagio mentale e la violenza alle donne. Il disagio mentale, troppo spesso nascosto e trascurato, a volte evolve in situazioni tragiche: la solitudine e la sofferenza, alla base della condotta di uno dei protagonisti, lo condurranno verso un’unica, estrema ossessione. La violenza sessuale e l’omicidio sono perpetrati ancora una volta ai danni di una donna. E tutto diventa occasione per riflettere sui valori della nostra società.

Dal romanzo

Vagamente le parve di udire un respiro affannato nella stanza, simile al rantolo di un animale… In qualche parte del suo cervello si accese una spia rossa e partì l’ordine alla bocca perché chiedesse: “Chi sei?”, ma ormai era troppo tardi: stava perdendo di nuovo conoscenza. Lottò con tutte le sue forze per resistere all’oblio…
Fu allora che lui le sorrise, ma in quel sorriso disumano e spietato c’era ormai solo la sua condanna.

Commenti dell’autrice

Quando ho cominciato a scrivere “Quella Notte”, volevo che la trama fosse verosimile, non un tourbillon di inseguimenti, sparatorie e vittorie impossibili da conseguire nella realtà, ciò che non sopporto di ritrovare nei gialli. Ho cercato di tener vivo l’interesse con una storia avvincente e soprattutto dal ritmo incalzante. Per dare armonia alla narrazione ho inserito molti dialoghi, per fornire al lettore non un racconto, ma l’esperienza del vissuto in diretta. E, sempre volendo fuggire i soliti schemi, ho voluto che durante la lettura del romanzo si stentasse a individuare un solo protagonista, colui nel quale ci si immedesima, per un comune e primitivo bisogno di sentirsi parte della storia. I protagonisti sono infatti quattro personaggi, due donne e due uomini: Mauro, Eleonora, Alberto e Veronica.
Ho tentato di non dare tutto per scontato, relegando questi personaggi dentro gabbie inamovibili, in cui ognuno si muove in un solo prevedibile senso. Senza voler rivelare troppo, posso dire che non sempre ciò che appare in un certo modo, lo è veramente. Non è del resto questo che si cerca in un thriller?
Due temi seri. Durante la stesura del romanzo mi sono trovata ad affrontare principalmente due temi seri: il disagio mentale e la violenza alle donne.
Un argomento molto delicato si dipana attraverso uno dei personaggi principali, Mauro: il disagio mentale, troppo spesso vissuto come una vergogna, viene nascosto agli altri come polvere sotto il tappeto, permettendo che evolva in situazioni tragiche. Descrivendo Mauro, ho accuratamente evitato l’equazione colpevole uguale nato cattivo e senza sentimenti, tradizionale nel romanzo giallo. Il personaggio psicolabile descritto in questo libro non è affatto privo di sentimenti, anzi, è un ipersensibile. Provando a non cadere nella trappola del facile giudizio, ho scavato nel suo passato, penetrando la sua sofferenza e le sue motivazioni, non per giustificare a tutti i costi, ma per spiegare come può muoversi il cervello di un killer. La solitudine e il senso di ingiustizia sono alla base della condotta di Mauro. Fiumi di parole sono state scritte su comportamenti simili ai suoi, ma in un romanzo si può soltanto narrare, non giudicare, se non attraverso la voce dei protagonisti.
Altra tematica affrontata: la violenza alle donne.
Dopo aver messo la parola “fine” al romanzo ho sperato che l’ennesimo romanzo incentrato sulla violenza sessuale e l’omicidio, perpetrati ai danni di una donna, non fosse pura occasione di svago e divertimento fine a se stessi, ma diventasse occasione di riflessione e comprensione della sofferenza altrui. Spesso dimentichiamo che la percentuale di vittime di aggressione, violenza e omicidi riguarda le donne molto più di quanto una società giusta dovrebbe essere disposta ad accettare. Questa storia vuol essere su questo fronte un tributo alla donna, eterna vittima sacrificale.

Roba da Scrittori

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: